Dirigentiscuola-Calabria sindacato di dirigenti scolastici

CORSI di FORMAZIONE PER IL NUOVO CONCORSO PER DIRIGENTI SCOLASTICI

Scritto da Antonio Caligiuri Sabato 01 Aprile 2017 20:07

CONCORSO PER DIRIGENTI SCOLASTICI

PREPARAZIONE AL CORSO-CONCORSO PER DIRIGENTI SCOLASTICI

CALABRIA

L’ente di Formazione ATHENA-DISCONF, in collaborazione con la DirigentiScuola Calabria, organizza percorsi di formazione per il prossimo corso-concorso per dirigenti scolastici rivolti ai docenti interessati ad una formazione di qualità, forte dell’elevato numero di neo-dirigenti scolastici che ha accompagnato durante l’ultimo concorso.

Caratteristiche generali del corso

Modalità: blended

Lezioni in presenza: 24 ore

Docenza: esperti qualificati associati all’ente di formazione

E-learning: Piattaforma ricca di test per la simulazione

L’Associazione sindacale DirigentiScuola Calabria fornirà

Accompagnamento esperto: peer tutoring a cura di Dirigenti scolastici in servizio

Ampliamento offerta: gli iscritti potranno frequentare liberamente le attività formative promosse per i dirigenti scolastici in servizio

Approfondisci sulla Locandina ellegata

 

I RICORSI PER LA PEREQUAZIONE ALLO STATO DEGLI ATTI: UN OBBLICO DI ONESTA'

Ultimo aggiornamento Sabato 01 Aprile 2017 19:54 Scritto da Amministratore Sabato 01 Aprile 2017 19:38

DIRIGENTISCUOLA è stata la prima associazione sindacale, e per molto tempo la sola, ad indicare la strada del giudice del lavoro, per rivendicare un trattamento economico da dirigenti veri.

Lo ha fatto allorquando  era evidente la certezza, poi tristemente confermata, che dopo un’estenuante e avvilente melina alla fine sarebbe stato firmato il terzo contratto – quello del 15 luglio 2010, tuttora vigente – con l’inesorabile postilla in fotocopia, sotto forma di dichiarazione a verbale, che rinviava – sempre a tempi migliori – la perequazione interna, di una categoria assurdamente sottoposta a tre distinti regimi retributivi, pur a parità di lavoro e di responsabilità, e quella esterna con le restanti dirigenze pubbliche.

In questo lungo lasso temporale abbiamo patrocinato oltre 600 ricorsi, di questi: 31 sono stati accolti in primo grado; 6 sono stati confermati in appello e, quindi, passati in giudicato + 7 passati comunque in giudicato  per non essere stati nei termini impugnati dall’Amministrazione; 1 riformulato in appello senza condanna alle spese; 3 riformulati in appello con condanna alle spese , paventandosi la lite temeraria, nonostante l’appello fosse stato proposto dall’Amministrazione.

Una vera assurdità quest’ultima riformulazione: “io vinco un ricorso, l’amministrazione va in appello, io sono costretto a costituirmi in giudizio, il giudice non solo riformula la sentenza, ma mi condanna anche alle spese”.

Inizialmente i giudici, nelle sentenze di rigetto, hanno statuito la compensazione delle spese, alla luce della novità della questione e in presenza di una giurisprudenza oscillante.

Doverosamente, per obbligo di onestà, DIRIGENTISCUOLA ha prospettato a chi avesse un ricorso pendente per la perequazione interna – e ancor più se inerente la perequazione esterna – l’opportunità di un accordo con la costituita controparte (USR o Avvocatura dello Stato), con rinuncia agli atti e conseguente  compensazione delle spese legali. Di questo sono stati formalmente informati gli interessati.

Nel frattempo ci siamo preoccupati di preservare i colleghi da più che prevedibili salassi, non abbiamo inteso – né intendiamo – cedere le armi, confermando la volontà di arrivare a Strasburgo, portando avanti solo pochi ricorsi-pilota e avendo già iniziato a costituire un fondo di solidarietà per le afferenti spese da sostenere e comunque per tenere indenni da conseguenze economiche i soggetti coinvolti. Terremo fede all’impegno assunto per correttezza e stile. .........continua la lettura cliccando sull'APPROFONDIMENTO DEL SITO NAZIONALE DELLA DIRIGENTISCUOLA.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (Consiglio Nazionale stato agitazione.pdf)Consiglio Nazionale stato agitazione.pdf84 Kb
 

SANZIONI DISCIPLINARI - DIRIGENTISCUOLA CHIEDE CHIAREZZA ALLA MADIA

Ultimo aggiornamento Sabato 01 Aprile 2017 19:48 Scritto da Amministratore Sabato 01 Aprile 2017 19:33

Continuano a pervenire al servizio di consulenza della DIRIGENTISCUOLA richieste circa il comportamento da assumere di fronte ad illeciti di docenti sanzionabili con la sospensione dal servizio fino a 10 giorni.


Il problema è stato già affrontato con precedenti comunicati:
– Anche l’avvocato del MIUR concorda con Dirigentiscuola: spetta al dirigente irrogare la sanzione della sospensione dal servizio fino a gg. 10


– IL DIRIGENTE SCOLASTICO E LE SANZIONI DISCIPLINARI IRROGABILI AI DOCENTI: ISTRUZIONI PER L’USO DOPO L’ULTIMA SENTENZA DEL GIUDICE DEL LAVORO DI FOGGIA

Con la nota allegata DIRIGENTISCUOLA sollecita chiarezza al Ministro Madia e chiede un incontro tecnico sull’argomento.

 

MANIFESTAZIONE ROMANA PER LA PEREQUAZIONE DELLA DIRIGENZA SCOLASTICA

Ultimo aggiornamento Sabato 01 Aprile 2017 19:48 Scritto da Amministratore Sabato 01 Aprile 2017 19:30

SIAMO ARRIVATI AL DUNQUE!!!!!!

DIRIGENTISCUOLA è pronta per la manifestazione a Roma. Ora tocca alla categoria dimostrare carattere e voglia di lottare.

Preso atto che le istituzioni non hanno dato alcun riscontro alla lettera-appello sottoscritta da circa un migliaio di dirigenti scolastici, totalmente ignorando le legittime ed irrinunciabili richieste economiche e normative della categoria, il Consiglio Nazionale in data 12/02/2017  ha esitato all’unanimità un Documento con il quale invitava CGIL, CISL e UIL a ritirare, entro l’11/03/2017, la firma dall’accordo del 30/11/2016.

In data oggi il Documento della Segreteria inviato al Ministro preannuncia la manifestazione la cui data d’inizio sarà stabilita dopo avere ottenuto le opportune autorizzazioni!

Non si tratta di uno sciopero che si indice precedendo la data, ma di una manifestazione con sit-in, per la quale è stata richiesta anche l’autorizzazione all’occupazione del suolo pubblico.

I colleghi soci e non soci che vogliano partecipare, possono riferirsi ai segretari regionali e provinciali di Dirigentiscuola.

A PRESTO A ROMA!!!!!!

Maggiori informazione sul sito nazionale!

http://www.dirigentiscuola.org/manifestazione-romana-la-perequazione-della-dirigenza-scolastica/

 

VALUTAZIONE DELLA DIRIGENZA SCOLASTICA – Formazione per il sostegno professionale dei soci

Ultimo aggiornamento Sabato 01 Aprile 2017 19:48 Scritto da Amministratore Sabato 01 Aprile 2017 19:26

Il 31 marzo 2017, presso l'Istituto Comprensivo "Nicotera" di Lamezia Terme dalle ore 9.00 e in collaborazione con l'Ente di formazione ATHENA-DISCONF, si svolgerà il terzo momento formativo, dopo quelli di Ottobre 2016 e di Febbraio 2017 (al quale partecipò anche il Direttore generale Diego Bouché), sul tema della Valutazione della dirigenza scolastica. 
In questo terzo momento formativo l'attenzione sarà concentrata operativamente sui sistemi di Controllo di gestione (e in particolare sulla Balanced scorecard), sul monitoraggio e sulla rendicontazione sociale. Riservato ai soli soci calabresi, fornirà ai presenti un sistema ragionato di indicatori di performance e di driver, modelli documentali e un modello di bilancio sociale.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (Formazione DS_Valutazione DS_ok_1.pdf)Formazione DS_Valutazione DS_ok_1.pdf782 Kb
 

MANIFESTO STATO DI AGITAZIONE - E' ORA DI DIRE BASTA!

Ultimo aggiornamento Sabato 01 Aprile 2017 19:47 Scritto da Amministratore Sabato 01 Aprile 2017 19:17

Gli organi nazionali della DirigentiScuola-Codirp hanno proclamato lo stato di agitazione dell'intera categoria professionale contro le gravose condizioni di lavoro, la continua attribuzione di responsabilità senza risorse e strumenti di intervento e contro la discriminazione retributiva.

SIAMO ARRIVATI AL DUNQUE!!!!!!

DIRIGENTISCUOLA è pronta per la manifestazione a Roma. Ora tocca alla categoria dimostrare carattere e voglia di lottare.

Preso atto che le istituzioni non hanno dato alcun riscontro alla lettera-appello sottoscritta da circa un migliaio di dirigenti scolastici, totalmente ignorando le legittime ed irrinunciabili richieste economiche e normative della categoria, il Consiglio Nazionale in data 12/02/2017  ha esitato all’unanimità un Documento con il quale invitava CGIL, CISL e UIL a ritirare, entro l’11/03/2017, la firma dall’accordo del 30/11/2016.

In data oggi il Documento della Segreteria inviato al Ministro preannuncia la manifestazione la cui data d’inizio sarà stabilita dopo avere ottenuto le opportune autorizzazioni!

Non si tratta di uno sciopero che si indice precedendo la data, ma di una manifestazione con sit-in, per la quale è stata richiesta anche l’autorizzazione all’occupazione del suolo pubblico.

I colleghi soci e non soci che vogliano partecipare, possono riferirsi ai segretari regionali e provinciali di Dirigentiscuola.

A PRESTO A ROMA!!!!!!

 

Sottoscritto il CIR 2015/16

Scritto da Antonio Caligiuri Sabato 01 Aprile 2017 19:10

Sottoscritto il nuovo contratto integrativo per la dirigenza scolastica calabrese.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (CIR contratto 2015-16.pdf)CIR contratto 2015-16.pdf254 Kb
 

Sottoscritto il CIR 2014-15

Scritto da Antonio Caligiuri Sabato 01 Aprile 2017 19:08

Sottoscritto il Contratto integrativo regionale per la dirigenza scolastica calabrese.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (20042016084526-CIR AREA V 14 15.pdf)20042016084526-CIR AREA V 14 15.pdf283 Kb
 

Sottoscritto il CIR 2013-14

Scritto da Antonio Caligiuri Sabato 01 Aprile 2017 19:07

Sottoscritto il CIR 2013/14 per la dirigenza scolastica calabrese.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (20042016083550-CIR AREA V 13 14.pdf)20042016083550-CIR AREA V 13 14.pdf282 Kb
 

Sottoscritto il CIR 2012-13

Scritto da Antonio Caligiuri Sabato 01 Aprile 2017 19:05

Sottoscritto il CIR 201/13 per l'area della dirigenza scolastica calabrese.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (20042016085445-CIR AREA V 12 13.pdf)20042016085445-CIR AREA V 12 13.pdf297 Kb
 

VALUTAZIONE DELLA DIRIGENZA SCOLASTICA – Il convegno della DirigentiScuola fa il punto

Ultimo aggiornamento Giovedì 09 Febbraio 2017 09:03 Scritto da Redazione Giovedì 09 Febbraio 2017 08:17

In una sala gremita di dirigenti scolastici calabresi sono intervenuti Diego Bouché, Attilio Fratta, Sandro Calabrese e Francesco Nuzzaci.

Intervento Segretario Generale Attilio Fratta

L’Associazione professionale DirigentiScuola Calabria mercoledì 8 febbraio 2017 ha affrontato, durante un intenso seminario di studio a Lamezia Terme, il tema della valutazione dei dirigenti scolastici prevista dalla “Buona scuola”, approfondendola sotto molteplici aspetti, professionali, organizzativi, retributivi e sindacali. Si è trattato di un approfondimento che ha ripreso il lungo seminario dell’ottobre scorso durato ben due giorni tenuto da Pasquale Antonio Annese e da Antonio Caligiuri.

Ha aperto i lavori Diego Bouché, Direttore generale dell’USR Calabria, che ha portato il suo personale saluto e riconoscimento all’associazione professionale che rappresenta circa il 18% dei dirigenti scolastici in servizio nella regione. Ha apprezzato l’impegno che la DirigentiScuola ha posto nella cura formativa dei dirigenti scolastici sottolineando che sindacati, scuole e USR devono saper collaborare insieme per migliorare la qualità dell’offerta scolastica. Ha informato il nutrito pubblico sulla costituzione dei nuclei di valutazione, qualific

Saluto del Direttore Generale Diego Bouché

ati e competenti.

Il Segretario generale Attilio Fratta ha rivolto al do

tt. Bouché un sincero saluto a nome dell’Associazione nazionale ringraziandolo per la sua presenza. Ha sottolineato che i dirigenti scolastici non sono la controparte dell’amministrazione, ma l’amministrazione scolastica. “La nostra associazione sindacale – ha ribadito – ritiene giusto il principio della valutazione, ma non condivide l’enfasi sulla valutazione dei risultati perché dipendono da

troppi e incontrollabili fattori. La mancata valutazione è l’alibi dietro il quale tutti i governi

si sono nascosti per non riconoscere al faticoso lavoro dei dirigenti la giusta retribuzione, troppodistante da quella degli altri dirigenti dello stato e degli enti locali”.

L’esperto di legislazione scolastica Francesco Nuzzaci ha illustrato le norme sulla valutazione della dirigenza scolastica, ormai diventate ipertrofiche senza aver ancora raggiunto il loro obiettivo. Si è focalizzato sulle fasi procedurali, sui contenuti dei tanti documenti che il dirigente scolastico deve mettere a disposizione del nucleo di valutazione. Ha fornito utilissimi consigli operativi su come organiz

zarsi per affrontare al meglio il momento valutativo che – ha ribadito più volte – deve essere vissuto serenamente perché fare il proprio lavoro con impegno dovrà necessariamente essere premiato”. Ha ragionato a lungo sul vero anello debole del sistema premiale, ovvero la retribuzione di risultato. Non si può mettere in campo una macchina così imponente per decidere se riconoscere o no le poche migliaia di euro in gioco. Il tutto – secondo Nuzzaci – avrebbe senso solo se questa voce retributiva fosse corposa almeno quanto quella degli altri dirigenti della Repubblica.

Anche Sandro Calabrese ha sottolineato l’insussistenza della retribuzione di risultato e la sua estrema precarietà nel tempo. Il piccolo aumento registrabile per l’anno 2015-16 dipende dall’una tantum della Buona scuola che non è dato sapere se verrà mantenuta anche per i prossimi anni. Ha illustrato estesamente gli errori contrattuali del passato da una macchina contabile che non sempre è così efficace come intende far credere che ha visto contrapposti in tribunale addirittura il MIUR e il Ministero delle finanze.

 

In Calabria DIRIGENTISCUOLA fa il suo esordio - storico - al tavolo negoziale

Scritto da Redazione Lunedì 28 Novembre 2016 05:15

In data 23.novembre u.s., presso gli Uffici della Direzione Generale dell’USR Calabria si è svolto l’incontro tra  la parte pubblica e  le rappresentanze sindacali della Dirigenza scolastica calabrese.

Oggetto di tale incontro è stata l’informativa preventiva in merito al Piano Regionale di valutazione dei Dirigenti scolastici della Calabria (ex legge n. 107/2015 art. l commi 86, 93, 94).

Prima dell’inizio dei lavori, il Direttore Generale Dott. Diego Bouchè e il Dirigente Vicario Dott. Giuseppe Mirarchi hanno inteso rivolgere un indirizzo di saluto ed un cordiale benvenuto ai rappresentanti della DIRIGENTISCUOLA- CODIRP, di recente accreditata quale organizzazione sindacale rappresentativa e, in quanto tale, legittimata a partecipare a pieno titolo ai tavoli della contrattazione, sia in sede nazionale che a livello dei vari Uffici scolastici regionali.

Nel ringraziare per il cortese indirizzo di saluto loro rivolto, i rappresentanti della DIRIGENTISCUOLA, nelle persone dei Dirigenti Scolastici Antonio Caligiuri (vicesegretario regionale) e Gaetano Pedullà, hanno condiviso l’auspicio di buon lavoro e di un proficuo scambio di prospettive, formulato anche dai rappresentanti della altre sigle sindacali, portando il doveroso saluto della Segretaria Regionale Dott.ssa Maria Lupia, assente all’incontro per improcrastinabili ragioni personali, nonchè del Dott. Sandro Calabrese, Responsabile delle relazioni sindacali nell’organigramma nazionale della Dirigentiscuola.

Com’è all’evidenza, al di là dell’importanza dei temi trattati, per i quali si rimanda in toto al verbale ed alle slides pubblicate sul sito, si è trattato di un evento di grande rilevanza nella storia delle relazioni sindacali riferite alla Dirigenza Scolastica in Calabria, in quanto questo “storico” appuntamento ha suggellato il conseguimento della piena rappresentatività ed il giusto riconoscimento per gli sforzi compiuti da una organizzazione sindacale fin dalla sua nascita in prima linea nella difesa dei legittimi interessi dei Dirigenti Scolastici e dell’impegno quotidianamento da essi profuso per  il costante miglioramento delle stesse Istituzioni scolastiche a cui  sono preposti.

Nel corso della riunione il D.G. affiancato dal Responsabile del Servizio Ispettivo Dott. Maurizio Piscitelli, con l’ausilio di alcune slides (che pure si provvede a pubblicare), ha illustrato il contenuto di due bandi, con scadenza il 5 dicembre p.v., relativi agli avvisi pubblici finalizzati al reclutamento, rispettivamente, dei Coordinatori e dei Componenti dei Nuclei Regionali di Valutazione delle Attività dei Dirigenti Scolastici, Nuclei che dovranno essere istituiti presso l’Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria. E’ stato comunicato, quindi, che sulla base delle istanze pervenute e all’esito delle valutazioni delle candidature presentate, ad opera di un’apposita commissione, il Direttore Generale provvederà a stilare l’elenco di coloro che potranno assumere l’incarico di componente dei Nuclei di valutazione, con l’ulteriore precisazione che sarà  selezionato un numero maggiore di candidati rispetto a quello occorrente per la nomina di componente. In totale verranno selezionati 8 nuclei di valutazione, dei quali 7 si incaricheranno di valutare n° 41 Dirigenti scolastici e, il restante Nucleo, n° 25 Dirigenti, per un totale complessivo di 312 istituzioni scolastiche sedi di dirigenza. Ciascun Nucleo (a struttura variabile) dovrà ricomprendere immancabilmente al suo interno la figura di un Dirigente Scolastico.  Il Direttore Generale, nel rispondere alle delucidazioni richieste anche da parte dei rappresentanti della Dirigentiscuola, ha tenuto a precisare che la valutazione della Dirigenza scolastica, imposta dalla Legge di Riforma n. 107/2015, non sarà un’operazione asettica e avulsa dai condizionamenti e dalle difficoltà in cui si trovano ad operare le varie Istituzioni scolastiche, ma sarà “contestualizzata” in modo da tener conto dell’apporto specifico e dei contributi che i Dirigenti scolastici, pur nelle criticità dei contesti in cui operano, sapranno spiegare in direzione del miglioramento complessivo del servizio scolastico offerto all’utenza.

 

TRASMISSIONE BOZZA C.I.R. a.s. 2015 - 2016

Scritto da Redazione Venerdì 25 Novembre 2016 06:31

Si ricevono e si pubblicano:

- Bozza C.I.R. a.s. 2015/2016

- Copia di Calcolo C.I.R. 2015/2016

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (CIR AREA V A S 2015_2016.doc)CIR AREA V A S 2015_2016.doc106 Kb
Scarica questo file (Copia di CALCOLO CIR 2015_16.xls)Copia di CALCOLO CIR 2015_16.xls45 Kb
 

Verbale incontro OO.SS. Area V del 23 novembre 2016 e Slide

Scritto da Redazione Giovedì 24 Novembre 2016 05:59

Si ricevono e si pubblicano:

- Verbale incontro del 23 novembre 2016

- Presentazione OO.SS

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (verbale incontro del 23 novembre 2016 (1).pdf)verbale incontro del 23 novembre 2016 (1).pdf67 Kb
Scarica questo file (Presentazione OO.SS.pdf)Presentazione OO.SS.pdf2482 Kb
 

PESATURA DEFINITIVA A.S. 15-16 ISTITUZIONI SCOLASTICHE DELLA CALABRIA

Scritto da Redazione Martedì 15 Novembre 2016 07:04

SI RICEVE E SI PUBBLICA IN ALLEGATO

 

Decreti rettifica scuola primaria Mobilità 2016/2017

Scritto da Redazione Sabato 03 Settembre 2016 22:12

Riceviamo e pubblichiamo (vedi allegati).

 

2° MEETING CONVIVIALE IN AREA COSENTINA

Scritto da Redazione Sabato 03 Settembre 2016 22:10

Nel prosieguo dell'azione di fidelizzazione, coesione, unitarietà professionale e politico sindacale, nonché condivisione di impegni comuni, si è celebrata una serata conviviale per soci e simpatizzanti dell'area cosentina presso la birreria "Un'altra pinta" a Commenda di Rende.

Alla presenza della segretaria regionale Maria R. Lupia, organizzatrice dell'evento, l'incontro si è svolto in un clima festoso e goliardico, ma con un occhio alle importanti sfide che attendono la categoria e la nostra Associazione, finalmente e a buona ragione diventata rappresentativa.

I dirigenti scolastici calabresi, e cosentini in particolare, sono consapevoli che per dar forza alle nostre giuste rivendicazioni è necessario maturare una più avvertita consapevolezza, crescere in termini numerici nonché d'impegno e partecipazione per le iniziative che saranno programmate per l'imminente anno scolastico.

La DIRIGENTI SCUOLA e l'Ente di formazione "ATHENA-Di.S-Conf", da poco costituito, daranno ai nostri soci quella marcia in più offrendo assistenza legale, tutela aggiornamento e formazione professionale.

Nonostante la data difficile, 29 agosto, la serata ha visto la partecipazione di un cospicuo numero di dirigenti scolastici ed è stata anche l'occasione per far dialogare i dirigenti dell'ultimo concorso con i predecessori (utilissimo scambio di esperienze e di opinioni).

Non sono mancate le leggere amenità e le battute, anche queste importanti, sulla condizione professionale del DS, sempre più gravata di responsabilità e di carichi di lavoro.

Il prossimo appuntamento avrà luogo a Catanzaro con i soci delle province di Catanzaro, Crotone e Vibo.

 

L'agape reggina: una convivialità celebrativa...e non solo.

Scritto da Redazione Venerdì 15 Luglio 2016 06:44

La DIRIGENTISCUOLA-CALABRIA, perseguendo l'idea della Segretaria Regionale, Maria R. Lupia, avallata peraltro dal vicesegretario regionale Antonio Caligiuri, di realizzare almeno una volta l'anno anche incontri provinciali/interprovinciali volti a fidelizzare, creare coesione categoriale, spirito collaborativo e scambio di esperienze tra i soci,

ha organizzato per la sera del 14 luglio scorso una serata conviviale in una pizzeria del Lido di Reggio Calabria.

L'occasione è stata importante sotto vari aspetti ed ha soddisfatto la piena partecipazione dei partecipanti, come si evince dalla breve nota di Francesca Fedele, qui allegata.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (Fedele nota sito1.doc)Fedele nota sito1.doc26 Kb
 

Importante Seminario di formazione organizzato dalla DIRIGENTISCUOLA presso Hotel dei Platani-Rimini

Scritto da Redazione Martedì 24 Maggio 2016 22:20

Nel corso dell’assise, durata  due giorni (21 e 22 maggio), ed alla quale hanno partecipato numerosi Dirigenti scolastici provenienti da ogni Regione d’Italia, sono state dibattute le problematiche di più stringente attualità che interessano, nella fase storica attuale, la “governance” delle Istituzioni scolastiche.
Il Seminario ha avuto come principale finalità quella di formulare una serie di articolate proposte da inserire nella piattaforma contrattuale da porre a base del confronto con l’Amministrazione scolastica,  in vista del futuro rinnovo del contratto nazionale della categoria (Area Istruzione e Ricerca), oltre che dei contratti integrativi regionali, ai cui tavoli, l’associazione professionale e sindacale della “Dirigentiscuola” intende presentarsi con un ricco “pacchetto” di proposte innovative, concertate e discusse con la “base” della categoria, con il precipuo intento di poter restituire dignità, oltre che efficaci strumenti operativi, ad una categoria oggi tanto negletta dai decisori politici e il cui ruolo sociale viene di fatto tutt’ora disconosciuto, se solo si pone mente (mettendolo a confronto)  al diverso e più gratificante trattamento giuridico-economico che lo Stato riserva alle altre figure dirigenziali inquadrate nei vari comparti dell’Amministrazione pubblica.
Dopo un’attenta disamina dei meccanismi e delle procedure sottese alle varie fasi della contrattazione, e ciò a beneficio di tutti gli iscritti ed, in particolare, di coloro che, in qualità di delegati sindacali, avranno il  delicato ed  impegnativo compito di rappresentare la categoria in sede di contrattazione, i partecipanti ai lavori del Seminario, nel corso della seconda giornata di studi, si sono organizzati in tre gruppi, strutturati ciascuno sulla base delle competenze specifiche maturate dai singoli Dirigenti scolastici, con il compito di approfondire una serie di tematiche, ed in particolare alcune, considerate, in questa prima fase, di importanza strategica per il futuro della categoria. E precisamente le seguenti: “La valutazione dei Dirigenti..e non solo”, tematica affrontata dal gruppo di lavoro coordinato dal Dirigente Francesco Nuzzaci (Presidente del Consiglio Nazionale della Dirigentiscuola, nonchè Segretario regionale della Puglia della medesima associazione).Il secondo gruppo di lavoro, che ha svolto i suoi lavori sotto il coordinamento del Dirigente scolastico Pasquale Annese (Responsabile della formazione e della consulenza sui ricorsi), si è occupato invece di formulare una simulazione-ipotesi di Contratto Integrativo Regionale (CIR), avuto riguardo, in particolare, alle fasce di posizione delle scuole. Il terzo gruppo di lavoro, coordinato dal Dirigente  scolastico Alessandro Calabrese (Esperto in materia di contrattazione e di organici), ha inteso sottoporre a revisione critica una serie di istituti contrattuali già esistenti, passati in rassegna al fine di verificarne l’effettiva compatibilità con il ruolo e le responsabilità dell’attuale dirigenza scolastica e, dopo un’attenta disamina della sostanza delle proposte contrattuali avanzate da altre sigle sindacali, rappresentative queste ultime anche, ed in massima parte, degli interessi del Personale Docente ed ATA (e solo in minima parte di quelli della dirigenza scolastica), ha inteso invece formulare una serie di proposte migliorative ed emendative dell’attuale assetto normativo e delle quali  si chiederà l’inserimento nella bozza del nuovo C.C.N.L., su cui occorre iniziare il confronto nelle sedi competenti. Tra le proposte “più dirompenti” quella di consentire, su base volontaria, la mobilità (intercompartimentale) verso altri settori della Dirigenza pubblica (ad es.: Giustizia, Sanità, Regione ed Enti Locali), come primo passo verso un riconoscimento reale della Dirigenza scolastica come Dirigenza pubblica a tutti gli effetti.
Dal dibattito è emerso, altresì, che non è più tollerabile che in Italia circa 1500 scuole vengano sistematicamente affidate in reggenza a Dirigenti preposti ad altre Istituzioni scolastiche, che già sono oberati di svariate incombenze presso le sedi di titolarità. Il che deve far riflettere quanti hanno davvero a cuore l’efficienza e la funzionalità delle Istituzioni scolastiche. È notorio, inoltre, che tutta una serie di incombenze ulteriori, quali, ad esempio l’assunzione di responsabilità nella conduzione dei lavori di edilizia e di infrastrutture scolastiche, nell’ambito dei progetti finanziati dall’Unione Europea, vengano di fatto “scaricati ” sulle spalle dei Dirigenti scolastici (non tutti muniti, ovviamente, di laurea in ingegneria), per non parlare poi delle frequenti deleghe che l’Avvocatura dello Stato conferisce ai Dirigenti scolastici in sede di rappresentanza in giudizio nei contenziosi contro il  MIUR (e certo non si può pretendere che i Dirigenti scolastici siano tutti muniti di laurea in giurisprudenza). In sostanza tutta una serie di “oneri impropri”, che addossano enormi responsabilità e che sottraggono  tempo ed energie ai Dirigenti, di fatto gli unici responsabili della gestione pedagogica, didattica ed organizzativa delle Istituzioni scolastiche. Per non parlare poi delle enormi responsabilità in materia di sicurezza degli edifici scolastici, materia nella quale i Dirigenti, spesso e volentieri inascoltati dagli Enti locali competenti, hanno solo responsabilità ma non poteri di intervento e di spesa.
Tutto ciò rende di palmare evidenza che la valutazione dell’operato del Dirigente scolastico rischia di ridursi ad una mera “finzione”, stante l’impossibilità di intervenire su alcune variabili che condizionano pesantemente l’efficienza dell’azione posta in essere dal Capo d’Istituto, in primis la possibilità di essere coadiuvato da un Ufficio di Segreteria numericamente e qualitativamente di livello ottimale. Il che oggi risulta infatti impossibile, visto che le normative più recenti consentono, ad esempio, la sostituzione del collaboratore scolastico (in caso di assenza per malattia e a partire dall’ottavo giorno di assenza), ma, per nessun motivo, la sostituzione del Personale delle Segreterie, le quali possono rimanere tranquillamente sguarnite, con buona pace del buon andamento e dell’efficienza dell’azione amministrativa.
In sostanza, tutti concordi i delegati sul fatto che senza una presa di coscienza della categoria ed una conseguente e  coerente azione sul piano sindacale finalizzata a riconoscere la  professionalità della Dirigenza scolastica, si rischia di rimanere “schiacciati” dalle emergenze e dalla quotidianità, senza possibilità di incidere veramente sul “prodotto finale”, ossia l’organizzazione dell’attività scolastica secondo criteri di efficienza ed efficacia formativa.
Al termine dell’assise di Rimini, il Segretario Generale della Dirigentiscuola-Confedir, Attilio Fratta, coadiuvato dalla Vicesegretaria Maria Lupia, hanno preannunziato, sulla base delle proposte formulate, la predisposizione  di una articolata piattaforma contrattuale contenente istituti contrattuali innovativi sui quali, attraverso incontri organizzati a livello regionale, i dirigenti scolastici (iscritti e simpatizzanti) avranno modo di esprimere compiutamente, nell’ottica del confronto democratico e partecipato, il proprio punto di vista.

 

BUONA PASQUA

Scritto da Redazione Giovedì 24 Marzo 2016 03:48

BUONA PASQUA

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (PASQUA 2016.doc)PASQUA 2016.doc35 Kb
 

Ora basta!Basta con chi accusa i dirigenti scolastici di essere “dittatori e reucci” e poi li illude

Ultimo aggiornamento Venerdì 04 Marzo 2016 03:14 Scritto da Redazione Mercoledì 02 Marzo 2016 20:51

Finalmente! Era ora! Anche i dirigenti scolastici entrati in ruolo nell’ ultimo concorso sono riconosciuti dagli altri sindacati come titolari di diritti e interessi legittimi dopo anni di silenzio e di assenza anche quando, da ogni parte, si metteva in discussione il loro concorso e il riconoscimento del loro merito perché solo altri andavano tutelati, altri meritavano la loro solidarietà!
La DirigentiScuola-Confedir plaude al sostegno dell' iniziativa da parte di un nutrito gruppo di neo-dirigenti che ha avuto la forza morale e professionale di ribellarsi a uno stato insopportabile di cui sono vittime ormai da anni. Questo gruppo ha indirizzato al Direttore Bouchè dell’USR per la Calabria e a tutti i principali sindacati dell’area V la richiesta di affrontare tempestivamente lo scottante problema della mancata corresponsione della retribuzione di posizione e di risultato-parte variabile.
Questa richiesta assolutamente legittima quanto banale ha messo stranamente tutti in subbuglio. Perché? Senso di colpa? Voglia di riparare al silenzio assordante di tutti questi anni? Ricerca di consensi persi? Che cosa chiedono di straordinario questi trenta neo-dirigenti?Chei sindacati così detti “rappresentativi” la smettano di indire vuote e inutili mobilitazioni, celebrate nella migliore tradizione delle farse napoletane, per avviare seriamente, e dopo BEN TRE ANNI, la soluzione del problema.Si richiede banalmente la corresponsione dello stipendio per intero come accade per tutti gli altri dirigenti scolastici calabresi e per come accade ai neoassunti dell’ultimo concorso in altre regioni d’Italia. Perché hanno deciso di attivarsi adesso? Con quale scopo?
Il sindacato DirigentiScuola-Confedir difende da sempre, senza se  e senza ma e, quando occorra, a “gamba tesa”, il diritto dei dirigenti scolastici a vedersi riconosciuta da subito la retribuzione di posizione-parte variabile perché l’USR Calabria ha approvato per tempo la pesatura delle scuole e quindi è nota la fascia di appartenenza di ogni istituto. Per tale sacrosanto riconoscimento non si è più disponibili ad aspettare che venga risolto lo scontro istituzionale in essere tra il MIUR e l’UCB, circa l’approvazione dei CIR sospesi. Ne è la prova il fatto che in altre regioni italiane nelle stesse condizioni questa componente della retribuzione viene QUASI regolarmente e interamente erogata.
Auspichiamo, e stavolta senza ironia, che i sindacati di comparto sposino, a questo punto, anche la causa della perequazione interna (che per i DS più anziani può valere anche fino a 27.000 €) e ancor più di quella esterna. Ma è difficile crederlo se nei loro mattinali si continuano a leggere attacchi al vetriolo alla dignità e alla professionalità dei dirigenti scolastici, rei di non voler confondere lo Stato con un’associazione sindacale, il dovere d’ufficio con lo spirito di concertazione con sindacati.
Forse siamo all’inizio di una svolta sindacale - ed è auspicabile - di una rivolta dal basso di chi tutti i giorni, nella solitudine più totale, lavora anche 10-12 ore senza adeguato riconoscimento economico e  prestigio sociale per far funzionare un sistema scolastico che fa acqua da tutte le parti……Altro che “buona scuola”!
Il nostro Sindacato nasce come unico baluardo a tutela della categoria dei dirigenti scolastici, esprimendo il proprio apprezzamento per questo risveglio politico e assicurando il proprio appoggio per ogni azione che mira a restituire dignità al logorante lavoro e a quel loro dovuto riconoscimento retributivo che, sia pur tardivamente, giunga ad emanciparli dall’ingiusta, insopportabile e mortificante “riserva indiana” in cui essi sono da sempre confinati.

 

Pagina 1 di 11

«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»
For a professional business hosting we highly recommend hostgator review or cloud hosting
Joomla Templates designed by Joomla Hosting